Covid-19. Le nuove disposizioni sulla Fase 2

Riceviamo e con grande piacere pubblichiamo un appunto dell’Ing. Concetto Aprile, già direttore dell’Area Rischi Industriali del Dipartimento dei Vigili del Fuoco – Ministero dell’Interno e Socio onorario A.I.PRO.S..

Nella Gazzetta Ufficiale n. 126 del 17-05-2020 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri  17 maggio 2020 (D.P.C.M.) riguardante “Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19(decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33 pubblicato in GU n. 126 del 16-05-2020).

Ing. Concetto Aprile

Le disposizioni del DPCM si applicano alla data del 18 maggio 2020 in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 26 aprile 2020 e sono efficaci fino al 14 giugno 2020.

Al DPCM sono Allegati n. 17 documenti tra i quali segnalo :

  • Allegato n. 12: Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro fra il Governo e le parti sociali;
  • Allegato N. 13: Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nei cantieri;
  • Allegato 14: Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto e della logistica;
  • Allegato 15: Linee guida per l’informazione agli utenti e le modalita’ organizzative per il contenimento della diffusione del covid-19 in materia di trasporto pubblico
  • Allegato 16: Misure igienico-sanitarie
  • Allegato 17: Linee guida per la riapertura delle attivita’ economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020.

I tre Protocolli richiamati nel DPCM ( allegati N.12, N.13 e N.14) rivestono particolare rilevanza anche ai fini degli obblighi dei Datori di Lavoro previsti nel decreto legislativo n. 81/2008 e, al riguardo, verranno fornite ulteriori considerazioni.